CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Le Ong rispondono alle accuse continuando a salvare vite umane

loghi web aoi cini link

L'Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale “AOI”, il Coordinamento italiano delle ONG internazionali “CINI”, “LINK 2007 Cooperazione in rete”, in rappresentanza delle Ong e Osc impegnate in cooperazione internazionale, aiuto umanitario e accoglienza di rifugiati e migranti, esprimono indignazione e condanna in merito alle gravi dichiarazioni e accuse di alcuni parlamentari e personaggi politici nei confronti delle Ong umanitarie che con navi private soccorrono in mare i naufraghi provenienti dalle coste libiche, vittime dei trafficanti.

 

 

Il 10 maggio 2017 AOI e Forum del Terzo Settore hanno organizzato a Roma, presso la Sala Capranichetta, piazza Montecitorio 125, una conferenza stampa. Questa giornata ha rappresentato un'occasione di incontro e confronto con la politica e i media. Sono stati presentati e messi a disposizione dati sull’efficacia e la trasparenza delle attività delle organizzazioni, testimonianze di volontari e beneficiari, per rispondere con i fatti alle accuse che le Ong da tempo subiscono.

La  conferenza ha avuto una grandissima copertura mediatica ed un amplissima partecipazione di rappresentanti di reti di ONG e coalizioni della società civile impegnata nella solidarietà e nella cooperazione. 

 


>>> Leggi il comunicato stampa dell'appello

>>> Leggi il comunicato stampa della conferenza del 10 maggio

>>> Segui lo streaming della conferenza

 

Concord Europe, la Confederazione europea che rappresenta 1.600 ONG e Organizzazioni della Società Civile che si occupano di cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario, ha espresso un primo pronunciamento sulla situazione di attacco alle ONG che, in forme e modi diversi, riguarda oramai vari paesi europei.

Se sei interessato a leggere la dichiarazione di Concord Europe clicca qui.