CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Gestione sostenibile del PARCO W

 

ico ambiente internaburgi2 1Migliorare la gestione sostenibile della Riserva della Biosfera Transfrontaliera nella regione di W-Arly-Pendjari a livello locale e nazionale

 

DOVE

Burkina Faso, Provincia della Tapoa (comuni di Diapaga, Botou, Tansarga, Tambaga, Logobou, Partiaga), Provincia della Kompienga (città di Madjoari)

 

 

DURATA

36 mesi (dal 2018)

 

CONTESTO

Il Parco W è un parco transfrontaliero il cui territorio si divide tra Burkina Faso, Niger, Benin e Nigeria e costituisce un grande patrimonio faunistico e paesaggistico (riconosciuto anche dall’UNESCO). L’obiettivo di questo progetto è quello di proteggere questo inestimabile patrimonio, cercando al contempo di supportare le esigenze delle popolazioni che risiedono nella periferia del Parco. Viene promosso, quindi, uno sviluppo economico sostenibile e partecipativo in cui la produzione biologica e le filiere di valore aggiunto selezionate (prodotti forestali non legnosi, apicoltura, soia, sesamo) hanno un ruolo preminente. In questo modo, non solo la popolazione avrà un reddito supplementare a disposizione, ma sarà anche la principale protagonista della gestione sostenibile del Parco ai margini del quale vive, contribuendo a proteggerlo al meglio nei confronti delle sfide del cambiamento climatico.


 

OBIETTIVI

Obiettivo generale:

  • Promuovere uno sviluppo economico endogeno, sostenibile e inclusivo, rispondendo alle sfide del cambiamento climatico.

Obiettivo specifico:

  • Rafforzare la conservazione e la gestione sostenibile dei parchi nazionali e degli ecosistemi fragili della regione W-Arly-Pendjari


 

ATTIVITà

  • Organizzazione dei produttori e delle altre persone implicate nella catena di valore di 4 filiere (prodotti forestali non legnosi, apicoltura, soia, sesamo).
  • Rafforzamento delle capacità tecniche e organizzative degli attori delle 4 filiere.
  • Attrezzare i produttori per rafforzare la catena di valore delle 4 filiere.
  • Promozione del ruolo della donna nelle attività legate alla valorizzazione dei prodotti delle 4 filiere selezionate. 
  • Attuazione di un Programma di Educazione Ambientale nelle scuole dei comuni coinvolti.
  • Attività di sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche ambientali attraverso una campagna via radio e l'uso dei social network. 
  • Supporto alla commercializzazione e al follow-up delle 4 filiere con l’applicazione delle Nuove Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione (NTIC)
  • Supporto all’elaborazione e alla formalizzazione di Convenzioni di co-gestione e sostegno alla gestione delle aree di conservazione comunitarie. 
  • Promozione della produzione biologica e miglioramento della sicurezza alimentare e della nutrizione delle popolazioni.
  • Recupero e riabilitazione di terre degradate.

 


 

IMPATTO

Beneficiari diretti:

Attività di educazione ambientale: gli alunni delle scuole primarie dei 7 comuni coinvolti, i loro insegnanti, i direttori delle scuole stesse e le Direzioni Provinciali dell’Educazione e dell’Ambiente; inoltre, verranno raggiunte 50.000 persone grazie alla campagna di sensibilizzazione radio.
Attività di rafforzamento delle 4 filiere produttive: i produttori e i trasformatori di karité e baobab, i commercianti, gli apicoltori, i vivaisti e i falegnami.
Un focus trasversale è dedicato alle donne che fanno parte di gruppi femminili delle 4 filiere su cui si concentra il progetto.

Beneficiari indiretti: la popolazione dei 7 comuni nei Parchi W e Arly.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:


1a fase: 209.423 €
2a fase: 1.004.666 €

Finanziatore principale:

GIZ slow

ue itaeif

Capofila:

ACRA

 

Altri enti coinvolti:

UPPM/T (Union Provinciale des Producteurs de Miel de la Tapoa)

Direzione Provinciale dell’educazione e dell’ambiente della Provincia della Tapoa e della Provincia della Kompienga

 

 

 

 

oltre al progetto