CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

ripartire restando - fase 2

 

icona educazionesengio1Ripartire dai giovani: promotori dello sviluppo locale e della migrazione consapevole

 

DOVE

Senegal, Regione di Sédhiou e Kolda
Guinea Bissau, Regione di Gabu

 

DURATA

36 mesi

 

 

descrizione

Il progetto mira a mitigare l’impatto negativo sull’economia e sulla società dei flussi migratori irregolari nel corridoio Sedhiou-Kolda-Gabu, in continuità con il precedente progetto Ripartire restando.
L’esodo rurale giovanile viene contrastato attraverso la creazione di opportunità formative ed economiche per accrescere l’occupazione, favorire l’empowerment femminile e il reinserimento socio-economico dei giovani che hanno fallito il viaggio migratorio e sono rientrati nelle aree di provenienza.
Il finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e l’ampio partenariato sono la base necessaria per garantire il rafforzamento e la sostenibilità delle azioni intraprese in uno dei corridoi migratori strategici nel continente africano. Lo scopo è quello di ottenere un impatto diretto sul contesto locale, per riorientare le politiche nazionali a favore dell’occupazione giovanile e migliorare la gestione delle dinamiche migratorie.


 

OBIETTIVI

  • Creare e migliorare le opportunità per le popolazioni del territorio di provenienza dei flussi migratori nelle regioni di Sédhiou e Kolda (Senegal) e Gabu (Guinea Bissau), con particolare attenzione all’occupazione giovanile (18-35 anni) e al reinserimento dei migranti di ritorno.
  • Sensibilizzare in Senegal, Guinea Bissau e in Italia sui rischi delle migrazioni e al contempo sulle opportunità nei paesi d’origine, anche attraverso attività di analisi e azioni di advocacy sui decisori politici.

 

ATTIVITà

  • Analisi e monitoraggio: creazione di un sistema di monitoraggio dei flussi migratori locali, con particolare attenzione alla popolazione giovanile e femminile; ricerche quali-quantitative sui migranti di ritorno e Forum multi-stakeholders annuali per delineare la situazione migratoria locale ed elaborare le necessarie raccomandazioni.
  • Campagna informativa sulle aspettative e i bisogni dei migranti, attraverso la produzione di materiale informativo, collaborazioni e ascolto, Forum multi-stakeholder dei decisori e dei giovani.
  • Formazione: corsi formativi e di inserimento lavorativo in ambito agricolo, agroecologico ed informatico: informatica di base, avanzata, web e radio journalism, utilizzo consapevole dei social network.
  • Supporto attività d’imprese locali: attività di accompagnamento e business planning per la creazione di imprese locali, incontri informativi sulle opportunità di investimento e imprenditorialità, sia in Senegal che in Italia, reinserimento psico-sociale e professionale/economico dei migranti di ritorno, per permettergli di avviare e consolidare imprese proprie a livello locale.
  • Campagna di sensibilizzazione per informare sui rischi della migrazione irregolare e sui canali regolari per migrare, raccontando le esperienze migratorie dei giovani e coinvolgendo più associazioni e attori tramite spettacoli teatrali, un festival cinematografico itinerante e flash mob.
  • Focus group specifico sulle donne: avrà l’obiettivo di garantire una sensibilizzazione capillare sia sulle migrazioni che sul traffico di persone in quest’area dell’Africa occidentale.

 


 

IMPATTO

Beneficiari diretti:

181.782 persone (49% donne; 51% uomini) così suddivisi:

  • 96.789 giovani (15-35 anni), di cui 48.707 donne e 48.082 uomini
  • 2.352 migranti di ritorno (uomini 18-35)
  • 82.491 adulti (>35), di cui 41.489 donne e 41.002 uomini
  • 150 adulti (>35) in diaspora, di cui 50 donne e 100 uomini

L’impatto sui beneficiari sarà valutato sulla base dei rendimenti degli studenti, sui tassi di riuscita e sull’aumento delle entrate delle start-up/micro-imprese finanziate.
Le categorie vulnerabili saranno considerate prioritarie.
L’impatto sul contesto sia in corso di progetto attraverso la ricerca quali-quantitativa sia a un anno di distanza dalla sua fine, attraverso il sistema di monitoraggio che sarà attivo, quando le partenze dei giovani in emigrazione irregolare saranno diminuite e le opportunità di impiego nelle zone di intervento accresciute.
L’impatto a livello istituzionale attraverso il sistema di monitoraggio dei flussi migratori, il percorso di capacity bulding degli stakeholders, la ricerca quali-quantitativa sui migranti di ritorno e la rete multi-stakeholder costruita dal progetto.
La componente di empowerment femminile è trasversale e prevede un’azione su due livelli: da un lato gli uomini e i leader comunitari saranno sensibilizzati nel favorire il coinvolgimento delle donne nel progetto (formazione professionale e mobilitazione sul territorio) dall’altro le donne stesse saranno beneficiarie di interventi mirati a rafforzare il proprio ruolo.

 

 


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
1.997.698 €

 

Finanziatore principale:

 

aics logo

Partner:

  • Mani Tese
  • AFDEC - Association pour la Formation, le Développement, l’Education et la Culture (Senegal)
  • Association GUNE de Kolda (Senegal)
  • Plataforma das ONGs e associações de base da Região de Gabú (PONGAB) (Guinea Bissau)
  • Agence Régionale de Développement de Kolda (ARD)
  • Agence Régionale de Développement de Sédhiou (ARD)

Altri enti coinvolti:

  • Università degli Studi di Milano – Bicocca
  • Comune di Milano
  • Associazione Stretta di Mano (SDM)
  • ST Microelectronics Foundation

 

sostenibilità

 


  • Tecnica: assicurata dal capacity building trasversale delle controparti locali, dal trasferimento delle competenze e delle metodologie gestionali e amministrative che riguardano il sistema di monitoraggio, censimento e formazione dei migranti.
  • Sociale: garantita dalla creazione di opportunità durature per i beneficiari, soprattutto giovani, che ne permettano il miglioramento delle condizioni di vita.
  • Istituzionale: dovuta al miglioramento dei servizi e dal coordinamento e reciproco supporto degli stakeholders coinvolti, sia a livello locale che internazionale.
  • Economico-finanziaria: resa effettiva sia dalle attività generatrici di reddito per i gruppi giovanili e per i migranti di ritorno che dalle attività di formazione ed inserimento lavorativo.
  • Ambientale: perseguita attraverso i metodi agro-ecologici (tecniche, strumenti e saperi) volti alla minimizzazione dell’uso delle risorse naturali e alla massimizzazione del riuso delle stesse.

 

 


Segui la pagina Facebook di Ripartire Restando


 

>>> Scopri la prima fase del programma "Ripartire Restando"

 

arrow index

UN FOCUS TRASVERSALE

ACRA ritiene che il settore privato possa svolgere un ruolo fondamentale nella cooperazione allo sviluppo. In particolare, l’economia inclusiva e le imprese sociali sono in grado di fornire soluzioni sostenibili ed efficaci per catalizzare molteplici risorse.
ACRA contribuisce a costruire un ecosistema in cui le imprese sociali possono crescere e svilupparsi.