CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Imprese sociali innovative

 

ico cibo internaburkdb1Imprese sociali innovative e partecipazione dei migranti per l’inclusione sociale in Burkina Faso

 

DOVE

Burkina Faso,
province del Boulkiemdé, del Boulgou e città di Ouagadougou

 

DURATA

36 mesi

 

 

CONTESTO

In Burkina Faso più del 40% della popolazione vive in condizioni di povertà. Il 90% di queste persone si concentra nelle zone rurali. Nell’economia del paese il settore agricolo, nonostante le potenzialità, presenta ad oggi delle carenze strutturali. Tra gli ostacoli principali allo sviluppo di questo comparto si evidenziano senza dubbio: la preparazione insufficiente delle persone impiegate in ambito agricolo (gestione della filiera, tecniche agricole, competenze informatiche), le forniture e le attrezzature poco efficienti, un ridotto accesso alle materie prime e una grande difficoltà di interazione e di scambi commerciali tra le città e le zone rurali.
Con questo progetto si intende correggere il disequilibrio economico tra la città e le aree rurali favorendo in particolare l’apertura di nuovi spazi commerciali agli agricoltori locali (soprattutto giovani e donne), migliorando la qualità dei loro prodotti grazie all’introduzione di soluzioni tecniche innovative che ottimizzino i processi produttivi, sempre nel rispetto dell’ambiente e in un’ottica sostenibile e inclusiva. Peculiarità dell’intervento è inoltre il contributo dell’esperienza dei migranti (della diaspora burkinabé in Italia), nel miglioramento dei processi produttivi e nella costituzione di imprese sociali locali.


 

OBIETTIVI

Obiettivo generale:

  • Contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione rurale in Burkina Faso riducendo barriere economiche, sociali e di competenze.
  • Favorire le iniziative di sviluppo locale innovative, inclusive e sostenibili.

Obiettivo specifico:

  • Contribuire allo sviluppo di attività produttive, imprenditoriali e innovative coinvolgendo i migranti, favorendo la crescita di imprese in zone rurali e urbane in vista di una riduzione della marginalità sociale ed economica e di una valorizzazione delle produzioni locali.

 


 

ATTIVITà

Innanzitutto il progetto prevede delle attività di formazione e sensibilizzazione su diversi temi:

  • Alfabetizzazione
  • Gestione contabile
  • Imprenditoria femminile
  • Utilizzo di nuovi strumenti

Inoltre, il progetto prevede un sub-grant tematico a supporto di 20 micro imprese, nonché la realizzazione di indagini e attività volte a sfruttare al meglio la diaspora burkinabé come opportunità per sviluppo locale (indagini, incontri di sensibilizzazione, educazione finanziaria).
Infine, il progetto prevede delle attività volte al miglioramento della produzione agricola sotto diversi aspetti: l’aspetto qualitativo, l’aspetto locale e quello legato alla sostenibilità. Tra le varie attività vi sono: lo sviluppo di protocolli di produzione, il lancio di una linea di prodotti agro-ecologici 100% burkinabé commercializzati da un’impresa sociale locale, l’apertura di canali di distribuzione tra le aeree rurali e urbane, una campagna di marketing e sensibilizzazione al consumo locale e un evento annuale per lo scambio internazionale di esperienze.


 

IMPATTO

Beneficiari diretti

I beneficiari diretti di questo progetto sono in gran parte donne e giovani delle province coinvolte, ma anche piccole e medie imprese anch’esse composte da giovani e da donne. Inoltre, tra i beneficiari diretti del progetto si contano i membri delle comunità di provenienza della diaspora, nonché i migranti burkinabé in Italia. Infine, beneficiano del progetto le comunità coinvolte, i produttori locali, gli insegnanti e un’impresa sociale attiva sul territorio.

Beneficiari indiretti:

Beneficiano di questo progetto in modo indiretto la popolazione della città di Ouagadougou (1.475.233 persone) e delle province di Boulgou (536.367) e Boulkiemdé (500.658)

 

 


 

SOSTENIBILITà

Sotto l’aspetto tecnico il progetto intende coinvolgere tre controparti locali per coprire più assi: attività di consolidamento, rafforzamento dell’impresa sociale e sensibilizzazione sulle questioni legate alle migrazioni, aumentare il confronto con altri enti locali in materia di urban food system. Sotto l’aspetto sociale, il progetto punta al rafforzamento delle piccole e medie imprese tramite la concessione di crediti e il supporto tecnologico, nell’ottica di poter commercializzare prodotti locali, sani e biologici, ed incoraggiare queste stesse imprese a integrarsi in altre reti commerciali. Per queste piccole e medie imprese è previsto un accompagnamento economico-finanziario per una transizione verso dei modelli sostenibili nel tempo; funzionale a questo processo sarà la concessione di crediti ma anche la trasmissione di competenze e contatti per accedere a tali finanziamenti. Sul piano istituzionale, si vuole coinvolgere il Comune di Ouagadougou e le Regioni Centre-Est e Centre-Ouest all’interno di reti internazionali di enti locali (come il Milan Urban Food Policy Pact) nonché nel processo di sviluppo dell’imprenditorialità giovanile e femminile creando un contesto favorevole allo sviluppo di mercati locali. Infine, a livello ambientale, il progetto offre degli incentivi alle attività economiche che usano tecniche a basso impatto o persino con ricadute positive per l’ambiente, in più la qualità dei prodotti sarà valutata anche in base all’impatto ambientale.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
1.975.275 €

Finanziatore principale:

aics logo

Partner:

  • Mani Tese (capofila)
  • ACRA
  • Chico Mendes ONLUS
  • Centro studi di Politica Internazionale (CeSPI),
  • Ital Watinoma,
  • Comune di Milano,
  • Comune di Ouagadougou

 

Altri enti coinvolti:

  • Fédération Nationale des Femmes Rurales du Burkina (FENAFERB)
  • Fédération Nationale des Industries de l’Agro-alimentaire et de transformation du Burkina (FIAB)
  • Association Watinoma

 

 

 

 

oltre al progetto


>>> Il miele della Tapoa sale sull'Arca del Gusto di Slow Food

>>> Marzo 2019: le delegazioni di Burkina Faso e Niger in visita in Italia